Viale della Primavera, 319/B - Roma      +39 348 450 5864

Scrittura creativa

Autobiografico, ma non solo …

LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA

Condotto da Rossana Pavoni Gallo

Il sesamo è un seme originario dell’India e la parola è di origine semita. La celebre frase di Ali Babà ‘apriti sesamo’ ha il suo origine nel fatto che questi semi si aprono all’improvviso, come una esplosione. E da come sono disposte i grani nel baccello, la raccolta si realizza ancora manualmente.
Di questo si tratta, di aprirci con una detonazione, e scrivere.
‘Sono di quel tipo di persone che non finisce di comprendere le cose finché li mette per scritto’, ci dice Haruki Murakami

Trasformare l’esperienza in un testo letterario è quello che propone questo laboratorio: un invito a scrivere creativamente, prendendo come punto di partenza la vita, i ricordi, i momenti chiavi della nostra storia. Riconoscere ed elaborare personaggi che ci abitano, spazi e vissuti del nostro intorno reale o immaginario, e condividerlo.
Autobiografia reale, diario intimo, autoritratto lettere, memorie, si lavorano come percorsi per trovare la propria voce e trasformarli in un racconto, o un romanzo.
Molti i modi di avvalersi letterariamente dei momenti biografici significativi. È un po’ reinventare la vita. Ricuperare, esplicitare, evocare, esaltare l’immaginazione e incontrare strategie per narrare. Abbiamo un istintivo bisogno di raccontare, rivelare quello che ci succede; qui sarà nero su bianco, leggerlo e ascoltare la sua lettura.
Sia per dettagliare il proprio vissuto o come materiale per la novellistica: sono scritture del piacere, storie interminabili che restituiscono, offrendo sempre più accessi.

Autobiografia quindi come punto di partenza, ma anche racconti, poemi, romanzi, sceneggiature. Scrivere per noi stessi. Vediamo il presente, visualizziamo quello che ci ha marcato, le strade che possiamo continuare, riprendere o iniziare. Provare a scrivere recuperando impronte gratificanti, oppure liberandosi da un passato dannoso. Ci recapitammo la vita per iscritto. Senza accontentarsi della visione narcisista, la socializziamo guardandoci da una finestra, circondando il mondo che gira in torno alla scena, vedendoci come parte di una rete. Un privilegio offertoci per decifrare, ricostruire o dare alla nostra vita la forma che desideriamo. Un romanzo, un racconto o un poema ha punti di contatto con la biografia reale, propria o altrui. Possiamo mescolare le carte, dando vita ad uno o più personaggi. Il narratore qui ha la totale libertà di sdoppiarsi e il vantaggio di combinarsi con altri vissuti.
La realtà diventa un passaggio segreto verso il mondo inventato. Nodi ed eventi che configurano una mappa nella nostra storia, saranno gli scatti per scrivere. Un ripasso negli strati e nelle strade della nostra biografia, coperta da famigliari, passeggiate, rifiuti, malintesi, connessioni, ci permetterà di passare per zone a volte dolorose oppure misteriose, erotiche, allegri, e ammetterli come materiale letterario.
Copioni di vita da rivedere, riscrivere, riscoprire, sull’amicizia, le malattie, i traguardi, le colpe, i desideri inconfessati, le resistenze, gli incontri mai avvenuti, le paure, gli amori, i segreti di famiglia.

Un’occasione per mappare la propria umana geografia e sorprendersi, beneficiando dell’originalità che cova dentro di noi, divertendosi, schivando gli accademici, scansando le regole della scrittura formale, seguendo tracce e concentrandosi sui singoli talenti.

‘Il vero è un momento del falso’ Lucia Etxebarria

5 incontri, ogni lunedì dal 12 ottobre al 9 novembre durante un’ora e mezza, dalle 18.30 alle 20:00

Contributo: 30 e. per i 5 incontri
Prenotazioni a: corsi@lsa100celle.org

info@lsa100celle.org

Login